Libro

BLOG Appuntamento con l'omeopatia

Leggi gli articoli del Dott. Alberto Magnetti nel blog "Appuntamento con l'omeopatia".

Forum Support

LE DOMANDE DEI PAZIENTI

Scrivi e inviaci le tue domande, ti risponderemo al più presto.

 

Il Dott. Alberto Magnetti e la Dott.ssa Armida Rebuffi, fondatori della Scuola, al Congresso LMHI di Lucerna 2006


Il Dott. Alberto Magnetti e la Dott.ssa Armida Rebuffi, fondatori della Scuola, al Congresso LMHI di Lucerna 2006



alberto magnetti conferenza



fonendoscopio



Negli anni 1984-85 un gruppo di medici omeopatici si riunì a Torino con l’intento di approfondire l’Omeopatia Classica Unicista. In quei tempi a Torino predominava l’indirizzo pluralista e complessista, insegnato esclusivamente da scuole gestite da case farmaceutiche omeopatiche. Dopo aver seguito corsi dei Maestri più noti (Ortega, Paschero, Negro, Masi, Candegabe) la Dottoressa Rebuffi ed il Dottor Magnetti invitarono il Dottor Proceso Sanchez Ortega a Torino, affinché impartisse dei corsi, specialmente focalizzati all’approccio “miasmatico”. Dopo alcuni incontri svoltisi a Torino, si sentì il bisogno di preparare all’insegnamento dell’omeopatia un certo numero di medici omeopatici che praticavano l’omeopatia già da alcuni anni.

A questo scopo venne istituito un apposito corso che raccolse medici provenienti da molte regioni italiane. L’obiettivo era quello di aprire scuole di Omeopatia classica per medici in molte regioni d’Italia, tutte con un programma di base comune, in modo da rendere possibili scambi di esperienze negli anni successivi. Il corso durò due anni (due stages di 15 giorni e due di 10 giorni) e si svolse a Torino e a Torre Pellice negli anni 1987–89. I docenti del corso, oltre al Dottor Ortega erano gli insegnanti più preparati di Homéopatia de México. Al termine di questo corso si aprirono scuole in differenti città italiane come Roma, Napoli, Catania, Foggia, Macerata e Torino.

La Scuola Medica Omeopatica Hahnemanniana di Torino viene fondata nel 1989 a Torino in via XX Settembre 57 dalla Dottoressa Armida Rebuffi e dal Dottor Alberto Magnetti, che danno inizio al primo corso triennale di medicina omeopatica per medici con il supporto e l’aiuto del Dottor Proceso Sanchez Ortega e di Homéopatia de México. Nel frattempo nel maggio del 1990 tutti i medici che avevano seguito il corso per insegnanti partecipano a Siviglia ad un corso avanzato di omeopatia che si conclude con la consegna del diploma di post-grado di Homéopatia de México a tutti i “medici insegnanti”. Ogni scuola continua l’insegnamento con vicende alterne.

La scuola di Torino nel 1994 viene spostata in corso Casale 98, dove si adibisce una piccola villetta a sede della scuola. Dal 1994 al 1999 il direttore della scuola è il Dottor Magnetti. In quegli anni il numero dei docenti aumenta notevolmente per l’aggregazione di alcuni insegnanti provenienti da esperienze diverse come la scuola di Vithoulkas (Dottor Levio Capello) e dalla scuola di Grenoble (Dottor Claudio Viano). Viene dato spazio anche a lezioni di psicosomatica e psicologia (Dottoressa Alessandra Bruno). Alcuni ex-alunni dopo aver terminato il corso iniziano ad impartire qualche lezione di Materia medica (Dottoressa Gabini, Dottoressa Beva, Dottor Mantellina). Si unisce al gruppo anche una veterinaria, la Dottoressa Marina Nuovo (alunna di Del Francia), che porta la sua esperienza in campo veterinario e fa sì che alcuni veterinari si iscrivano ai corsi. Nasce un interesse anche da parte dei farmacisti cosicché si istituiscono corsi di due anni per farmacisti.

Nel 1999 si alterna alla direzione la Dottoressa Rebuffi e il corpo docente allargato ad altri insegnanti (ex-alunni) come la dottoressa Isa Gonella e la Dottoressa Marisa Cottini. Dal 2002 insegnano anche il Dottor Vittorio Nicola, la Dottoressa Cristina Jemma (Farmacista), la Dottoressa Giuliana Corda e la Dottoressa Piano. Nel frattempo la scuola ha contatti con la scuola di Verona, il gruppo Lycopodium, il Centro di Omeopatia di Milano (Dottor Roberto Petrucci). Per anni si effettuano riunioni per discutere di tutti i problemi riguardanti le scuole con la scuola di Verona e il gruppo Lycopodium. Si fonda l’U.S.I.O.H. e successivamente la Società Italiana di Omeopatia (S.I.O.) a livello Italiano.

La S.I.O. si trasforma nella “Società scientifica” S.I.M.O. per essere al passo con i tempi che ci impongono non solo di praticare la medicina omeopatica, ma anche di dimostrare la scientificità di tale disciplina attraverso la sperimentazione clinica e la ricerca di base. La S.I.M.O. si occupa molto di questo aspetto e più precisamente di interloquire con la medicina ufficiale e con l’Ordine dei Medici tramite i Dottori Ciro D’Arpa e Giuseppina Bovina. La F.I.A.M.O. fondata nel 1990 come federazione nazionale delle associazioni dei medici omeopatici si trasforma anch’essa in società scientifica ed effettua un congresso nazionale annuale. Inoltre viene fondato il dipartimento scuole, formazione e insegnamento F.I.A.M.O. e la Scuola Medica Omeopatica Hahnemanniana di Torino (S.M.O.H.) entra a far parte di tale dipartimento, pur rimanendo legata ed iscritta anche alla S.I.M.O.

A livello Europeo l’European Committee for Homeopathy(E.C.H.) lavora dal 1990 per armonizzare tra i vari paesi Europei l’insegnamento dell’Omeopatia, la Ricerca Omeopatica e la Politica sull’Omeopatia. I delegati nazionali per l’E.C.H. sono la Dottoressa Giuseppina Bovina e la Dottoressa Antonella Ronchi per il sotto comitato Politics, la Dottoressa Armida Rebuffi per l’Education, il DottorAndrea Valeri per Research e la Dottoressa Comito ed i Dottori Signorini e Gulia per i Provings. Le scuole F.I.A.M.O. e S.I.M.O. sono associate all’E.C.H. e ne seguono i parametri.

FIAMO logo

Registro Omeopatico Italiano

Visita il sito del Registro nazionale dei Medici Omeopati accreditati.

Visita

Chi è Online

Abbiamo 12 visitatori e nessun utente online

Login

Contattaci

Vai in alto

INFORMATIVA

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella pagina di policy & privacy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie